Le funzioni dell’amministratore

Le funzioni dell’amministratore

E’ successo che l’amministratore invita il condomino a rimuovere una targa apposta senza autorizzazione, e il condomino lo porta davanti al Giudice lamentando di non poter godere della sua proprietà a causa del comportamento dell’amministratore, considerato come fonte di disturbo.

La causa finisce davanti alla Corte di Cassazione, che dà ragione all’amministratore.

A norma dell’art. 1133 c.c., l’amministratore di condominio ha infatti il potere di assumere provvedimenti obbligatori nei confronti dei condomini, i quali possono impugnarli davanti all’ assemblea e, ricorrendone le condizioni, davanti all’autorità giudiziaria; pertanto, poiché l amministratore è tenuto a garantire il rispetto del regolamento di condominio allo scopo di tutelare la pacifica convivenza, qualora egli inviti uno dei condomini al rispetto delle leggi o del regolamento vigenti, non è configurabile, a suo carico, alcun atto di turbativa del diritto altrui nel caso in cui egli abbia agito, secondo ragionevole interpretazione, nell’ambito dei suoi poteri-doveri di cui agli artt. 1130 e 1133 c.c..

In conclusione, il condomino non può lamentarsi se l’amministratore lo richiama al rispetto del regolamento nelle modalità di godimento delle parti comuni.
* Cass. civ., sez. II, 11 maggio 2011, n. 10347, Orlando co. Guida ed altri.

Marzo 2019  APC – Confedilizia Grosseto  avv.Paola Tamanti

Nuove regole per le locazioni turistiche

Nuove regole per le locazioni turistiche

La Giunta Regionale Toscana con Delibera n. 1267 del 19/11/2018, dando attuazione all’art. 70 della Legge Regionale Toscana n. 86/2016, ha individuato gli elementi da indicare nella comunicazione obbligatoria, che i locatori di abitazione a scopo turistico dovranno inviare al Comune entro 30 giorni dalla stipula del primo contratto di locazione.

In breve, gli interessati dovranno:

  1. Richiedere un codice identificativo accedendo al sito:  http:/www.regione.toscana.it/-/comunicazione-locazioni-turistiche
  2. Effettuare la comunicazione al Comune nel quale è situato l’alloggio, tutta la serie di informazioni contenuta nell’allegato A alla suddetta Delibera della Giunta Regionale;
  3. Effettuare analoga comunicazione, sempre entro 30 giorni dal verificarsi dell’evento, ove intervengano eventuali integrazioni o variazioni negli elementi comunicati in precedenza.